Amy Winehouse: l’ex marito Blake Lively è in coma per alcol e droghe

Amy Winehouse: l’ex marito Blake Lively è in coma per alcol e droghe
  • Commenti (1)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

Amy Winehouse e Blake Fielder Civil

Splash

L’ex marito di Amy Winehouse, Blake Fielder-Civil, è finito in coma venerdì scorso dopo un micidiale mix di droga (eroina e morfina) e alcool. Al momento si trova ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Dewsbury, nello Yorkshire occidentale, ed è tenuto in vita da un respiratore artificiale. Alcuni suoi organi risulterebbero seriamente compromessi e il personale medico del nosocomio ha avvertito la sua fidanzata Sarah Aspin di prepararsi al peggio. Blake Fielder-Civil stava attraversando un periodo felice di disintossicazione con la sua compagna a tal punto che avevano anche pensato al matrimonio, ma giovedì scorso è ricaduto nella trappola. L’ex marito della Winehouse si sarebbe incontrato con un suo amico per festeggiare la sospensione della pena detentiva per possesso di merce rubata e di una pistola giocattolo. Proprio in quella occasione avrebbe assunto eroina, morfina e alcool. «I dottori mi hanno detto di non poter fare una prognosi viste le sue condizioni – ha dichiarato la Aspin – e io sto pregando che sopravviva, ma devo prepararmi anche al fatto che potrebbe non risvegliarsi mai più».

D.G.

Amy Winehouse si drogava anche in rehab

Amy Winehouse

Nuove indiscrezioni sulla vita della star Amy Winehouse. A quanto sembra la cantante, scomparsa lo scorso anno dopo aver trascorso una vita a dir poco sregolata, sarebbe riuscita a farsi recapitare la droga anche mentre si trovava dentro i centri di riabilitazione. A svelarlo è stato lo stesso padre della star, attraverso una lettera di memorie, “Amy, my daughter“, in cui l’uomo descrive una situazione davvero tremendo.

A quanto pare la droga veniva recapitata alla Winehouse attraverso mazzi di fiori o attraverso degli orsacchiotti, e quando il padre si rese conto della situazione e vi pose rimedio, la ragazza sarebbe impazzita del tutto.

“C’erano dei ragazzi a vigilare e si davano i turni, il giorno dopo ho ricevuto una telefonata da uno di loro per avvertirmi che era arrivato un pacchetto per Amy. Sono saltato sul taxi – racconta il padre della defunta star – e ho raggiunto la clinica appena in tempo per vedere un noto spacciatore con un mazzo di fiori per Amy. L’uomo della sicurezza ha controllato il bouquet scovando la cocaina. Amy era impazzita quando ha saputo che avevamo intercettato la droga“.

V.M.

Amy Winehouse autopsia: niente droga nel sangue dell’artista

amy winehouse morte autopsia niente droga nel sangue

23 agosto 2011
I test tossicologici condotti sul corpo della cantante di “Back to Black”, Amy Jade Winehouse, morta un mese fa nella sua casa di Camden a Londra a soli 27 anni hanno constatato l’assenza di sostanze illegali nel suo sangue. Amy Winehouse non è dunque morta per droga come inizialmente si era ipotizzato per via dei suo tormentato passato fatto di droghe, farmaci e alcol. La notizia relativa ai risultati dell’autopsia è stata data da un portavoce della famiglia dell’eccentrica e geniale cantautrice britannica.

Nel corpo di Amy Winehouse, che è morta il 23 luglio scorso, sono state trovate tracce di bevande alcoliche, anche se non è stato possibile determinare se l’alcol ha avuto un ruolo nella morte dell’artista inglese. La famiglia ha diffuso un comunicato nel quale dichiara di attendere per la fine di ottobre le conclusioni dell’indagine giudiziaria sulla morte della Reginetta del Soul.

D.G.

703

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Gio 09/08/2012 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Iris 15 agosto 2012 22:29

Blake Lively è l’ex marito di Amy????? Che gossip!!! ^_^

Rispondi Segnala abuso
Seguici