Gabriele Belli a NonMiDire: “Non ho più rapporti con Mauro Marin e Veronica Ciardi”

Gabriele Belli a NonMiDire: “Non ho più rapporti con Mauro Marin e Veronica Ciardi”
  • Commenti (8)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

intervista a gabriele dario belli su non mi dire

Il concorrente del Grande Fratello 10, Gabriele Dario Belli, ha rilasciato un’intervista al nostro sito “NonMiDire” dove si è soffermato su diversi argomenti: dalla sua partecipazione al famoso e popolare reality show di Canale 5 ai rapporti con Mauro Marin e Veronica Ciardi (protagonisti assoluti di quella edizione del Grande Fratello), fino ai suoi progetti presenti e futuri. Ma non solo: omofobia, politica, omosessualità e tanto altro ancora. La storia personale di Gabriele ha sempre suscitato grande interesse e curiosità proprio per via del suo cambiamento di identità sessuale ed è utile per tutti coloro che stanno affrontando lo stesso percorso.

A due anni di distanza dalla tua partecipazione al Grande Fratello quali ricordi conservi ancora con gioia? E quali con un pizzico di rammarico?
I due momenti più belli sono stati 1) la sera del mio ingresso, quando mi sono presentato girato con lo studio alle spalle, non dimenticherò mai la gioia mista a paura di parlare davanti a milioni di italiani, che solo in quel momento ho scoperto che già sapevano tutto di me (ero stato chiuso in albergo per due settimane) e 2) L’ingresso nella casa, momento magico e indelebile, quando aspettavo nel tunnel di entrare davanti alla porta rossa, la paura di prima era passata e stavo realizzando che davvero ero riuscito ad arrivare fino lì e tutto doveva ancora essere scoperto. Il pizzico di rammarico lo sento un po’ per me stesso: ho fatto tutto il GF forte dei miei ideali e volendo comunicare qualcosa alla società mettendo me stesso, in secondo piano, forse in certi momenti avrei dovuto essere più ironico e vivermi quell’esperienza con più leggerezza.

Sono cambiati i rapporti con Veronica Ciardi, Maicol Berti e Mauro Marin?
Da parte mia c’è sempre stata la massima disponibilità a diventare di più che semplici ex concorrenti, considerata la condivisione di un’esperienza così significativa, ma si vede che nella realtà ciò che nasce “reality” non ha possibilità di crescere. Non abbiamo da tempo nessun rapporto al di là degli incontri casuali in qualche serata.

Stai seguendo il GF12?
Non sto seguendo il GF, come non ne ho mai seguiti. L’unica situazione che ho seguito è stata riguardo la presunta omosessualità di Luca e per la quale sono intervenuto come opinionista tre settimane fa a Mattino 5. Non mi è piaciuto il modo con il quale si è difeso affermando la sua eterosessualità. La paura con la quale ha reagito dimostra ampiamente quanto si viva con colpa e come un senso di accusa l’idea di essere omosessuali. Non mi interessa il suo orientamento e non giudico significativo che lui abbia fatto delle foto equivocabili con Valerio Pino, ma non trovo corretto difendersi come se essere omosessuali fosse qualcosa di cui vergognarsi, sopratutto se, per soldi si è accettato di fare un servizio fotografico per una rivista gay. Bisognerebbe essere coerenti, tutto qui.

Al momento sei innamorato?
Sì, non aggiungo di più se non che tengo molto alla mia vita privata e alla discrezione su ció che è personale, ho già dato fin troppo di intimo al GF e visto che la relazione di coppia non appartiene solo a me, oggi preferisco tutelare chi mi è accanto.

Perché ancora oggi l’omosessualità è un tabù nel nostro Paese?
Se è un tabù essere omosessuali, pensa essere transessuali. Per quanto riguarda l’omosessualità sono stati fatti molti passi avanti: è sicuramente un argomento più “sdoganato”, e il fatto che vari personaggi dello spettacolo abbiano fatto coming out ha in qualche modo aiutato le persone ad avvicinarsi a questa realtà. Scopro parlando con la gente che se una persona mostra la sua sobrietà, il fatto che sia omosessuale o transessuale è irrilevante. Per le nuove generazioni poi non è più così un tabù, segno che i tempi stanno cambiando e una persona vale al di là del suo orientamento e della sua identità. Sostengo da tempo che la prima azione per abbattere i tabù è cambiare la nostra visione del mondo, che non è detto che sia per forza contro di noi, forse semplicemente non ha gli strumenti per capire. I tabù sono figli di una cultura maschilista, perbenista e cattolica che nel nostro Paese ha fatto e fa danni non solo alle persone gay e transessuali. Fa del male a tutti, non dà la possibilità di capire, di crescere e di evolvere. I media dovrebbero portare cultura e valori invece seminano disinformazione e sfiducia. Ovvio che poi a pagarne il prezzo più alto siano le fasce più deboli e meno tutelate.

Scenderesti in politica per portare avanti battaglie a favore dei gay e transessuali?
Aver fatto il GF è stata un’azione politica a favore del nostro Movimento. Penso che la politica non sia qualcosa che appartenga solo ai partiti, ma a tutte le persone “di buona volontà” che vogliono mettere la faccia, i pensieri, le azioni a favore della comunità. Come ben sapete dentro la casa mi sono comportato in maniera assolutamente reale, non ho mai giocato al “reality” per me stesso e calcolando la cosa migliore per ottenere consensi che mi avrebbero portato avanti nel gioco. Sono stato contrario da subito a qualunque manipolazione mediatica, pur mettendo a disposizione tutta la mia vita come prezzo da pagare per ottenere la visibilità, che non io, ma noi come comunità ancora cerchiamo per spiegare in maniera sana chi siamo.

Cosa consigli ai ragazzi che sono vittime di omofobia?
Di andare avanti a testa alta, di non nascondersi ma di non ostentare ciò che sono. Avere un orgoglio omosessuale o transessuale non significa avere dei crediti nei confronti della vita rispetto agli altri. Consiglio sempre autodeterminazione con sobrietà e rispetto per se stessi e gli altri.

Cosa dovrebbe fare la classe politica? E la società civile?
I politici dovrebbero fare quello che è il loro mestiere: essere al servizio dei cittadini. Tutti i cittadini, perché non esistono cittadini di serie A o di serie B. Si rileggessero meglio l’art. 3 della Costituzione. E lo facessero tutte le le mattine, a mo’ di preghiera per non dimenticare i loro doveri e l’onore che hanno a rappresentarci. Questo cambierebbe dei paradigmi sociali
e ci renderebbe tutti più civili.

Un pensiero sul Governo Berlusconi e sul nuovo Governo Monti…
Il Bipolarismo e l’Apparenza. L’uno che vanta di essere colui che ha portato il Bipolarismo in Italia, non solo ha sfasciato il lavoro di De Gasperi e di Togliatti, ma ha reso bipolari gli Italiani nel senso del disturbo psicologico maniacale. L’altro invece mi ricorda la celeberrima frase che Tomasi di Lampedusa fa pronunciare a Tancredi ne Il Gattopardo “Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi!”. Ne scriverò di più sul mio blog www.gabrieledariobelli.it.

Quali sono i tuoi progetti futuri?
Ho avuto l’onore di entrare a far parte del Direttivo dell’Associazione Trans Genere con la quale stiamo lavorando su nuove linee politiche per rendere più efficace l’affermazione del nostro messaggio di indiscutibilità del “Diritto della persona”. I progetti sono molti e l’idea che li accomuna è quella di lavorare in maniera vigorosa, coerente e attuale per fare in modo di creare nuove sinergie e trovare rinnovata fiducia nelle azioni politiche, senza rimanere relegati al concetto di “associazione di categoria”. Per questo invito tutti ad approfondire l’argomento sul nostro sito www.transgenere.it.

1295

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Sab 03/12/2011 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Claudia 3 dicembre 2011 10:46

Le bugie si pagano caro Gabriele, hai accusato ingiustamente Mauro e Veronica di aver preteso soldi per partecipare al tuo compleanno e pretendevi pure che rimanessero tuoi amici. Non e’ neanche’ vero che non si possono avere rapporti nella vita reale con le persone conosciute nel reality, basta vedere l’amicizia di Veronica con Mara e Maicol.

Rispondi Segnala abuso
Gabriele Dario Belli 5 dicembre 2011 15:09

Le bugie si pagano cara Claudia, ma la verità costa più cara. E a me piace pagare il prezzo alto e coerente della dignità e della verità.
Soffermati a rileggere bene ciò che dici. Perchè se è una verità relativa al vero e al non vero cio che si guarda, tutto si confonde. Ovvero, se guardi e credi a cio che non è vero…. ciò che è vero per te sarà bugia. Buona giornata.

Segnala abuso
Marta 3 dicembre 2011 10:53

Certo che se non parla di Veronica questo non sa proprio cosa dire….direi che e’ ora di dire basta.

Rispondi Segnala abuso
Domenico Giampetruzzi
Domenico Giampetruzzi 3 dicembre 2011 10:58

Ciao Marta, non voglio difendere Gabriele perché si sa difendere molto bene ma ovviamente lui ha risposto a delle mie domande. Ha parlato di tanti argomenti…e ha lanciato anche messaggi importanti.
Buona giornata:-)

Segnala abuso
Marta 3 dicembre 2011 11:05

Domenico guarda il titolo dell’articolo, secondo te e’ casuale? Secondo me no e se le altre cose che dice sono cosi interessanti perche’ non hanno fatto un titolo diverso?

Rispondi Segnala abuso
Domenico Giampetruzzi
Domenico Giampetruzzi 3 dicembre 2011 11:26

Marta “NonMiDire” è un blog di gossip. Per di più loro sono stati i principali protagonisti del GF10 e c’era e c’è ancora molto interesse nei loro confronti. A me sinceramente dispiace la situazione che si è venuta a creare tra di loro perché sono stati per me, ma anche per tanti altri appassionati del GF, degli ottimi concorrenti. Però mai dire mai nella vita, ecco il perché di quella domanda:-)
Buon weekend!

Segnala abuso
Gabriele Dario Belli 5 dicembre 2011 15:27

Ringrazio Domenico per la serietà e la professionalità. Sorrido al fatto che il titolo ha suscitato irritazione in qualcuno. Non l’ho scelto io, perche se lo avessi fatto avrei preferito l’attenzione su quello che mi appartiene, ovvero il mio impegno sociale. Ma condivido e collaboro con il lavoro degli altri e il gossip fà parte del mio “personaggio”. Estrapolato da quanto ho affermato nelle risposte, è un titolo che non offende nessuno. Rimanere amici è una scelta che coinvolge anche in merito a interessi comuni, perchè la vita di ognuno ha delle priorità e si prendono strade diverse secondo le proprie attitudini, tutto qui.
Buon lavoro a tutto lo staff di “non mi dire”

Rispondi Segnala abuso
Domenico Giampetruzzi
Domenico Giampetruzzi 5 dicembre 2011 15:33

Ti ringrazio Gabriele per la gentilezza e per la disponibilità mostrata fin da subito:-)
Ti auguro ogni bene per il tuo futuro e un grosso in bocca al lupo per il tuo valido e costruttivo impegno sociale! A presto!

Segnala abuso
Seguici