Piero Marrazzo: polemiche per articolo su transessuale

Piero Marrazzo: polemiche per articolo su transessuale
  • Commenti (8)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

piero marrazzo scandalo transessuale

L’ex governatore della Regione Lazio Piero Marrazzo è finito ieri in prima pagina sul quotidiano berlusconiano “Libero” poiché è stato sorpreso dai carabinieri a un posto di blocco in compagnia di una transessuale. Lo scoop del giornale diretto da Maurizio Belpietro ha fatto subito il giro del web. Il titolo dell’articolo di apertura di ieri è stato “Di nuovo col trans – Marrazzo ci ricasca”. Secondo quanto scritto sul quotidiano “Libero” l’ex conduttore televisivo ed ex esponente del Partito democratico (Pd) Piero Marrazzo è stato sorpreso con una transessuale sudamericana alle tre di notte martedì scorso in via Tuscolana a Roma. Di fronte ai carabinieri l’ex si sarebbe giustificato dicendo che stava accompagnando a casa l’amica.

Dai controlli effettuati dalle forze dell’ordine non sono emerse irregolarità. L’articolo in prima pagina del quotidiano “Libero” ha suscitato una marea di polemiche. Piero Marrazzo non è più un rappresentante delle istituzioni politiche, non è più Governatore della Regione Lazio, non rappresenta i cittadini in sedi politiche e istituzionali poiché dopo lo scandalo cocaina e transessuali di oltre un anno fa si è dimesso da ogni carica pubblica. Ma ora la questione è diventata anche politica. L’avvocato dell’ex governatore del Lazio, Luca Petrucci, ha ricevuto l’incarico di procedere nei confronti del quotidiano diretto da Belpietro.

«Ho ricevuto l’incarico da Piero Marrazzo di procedere nei confronti del quotidiano “Libero” – ha dichiarato Luca Petrucci – che, da oltre un anno, ha intrapreso una campagna denigratoria nei confronti di un cittadino che si è dimesso da un’importante carica pubblica senza aver commesso alcun reato e con l’unico fine di cancellarne l’immagine. Questo ulteriore vergognoso attacco viola, ancora una volta, i diritti fondamentali di un uomo già duramente colpito».

342

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Mer 02/02/2011 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Socrate 2 febbraio 2011 16:39

Bel Pietro dovrebbe cambiare direzione giornalistica ,
invece del Giornale gli si addice ma assai piu assai la conduzione di STOP-
o CHI perchè cosi può dare libero sfogo al GOSSIP

Rispondi Segnala abuso
CarApple
CarApple 2 febbraio 2011 17:12

Si ma poi quest’uomo ora è un normale cittadino, saranno fatti suoi se va con dei trans o meno!!! mi sembra un accanimento su Marrazzo, non è ne il primo, ne l’ultimo uomo sposato ad andare con i trans… sono fatti suoi!!

Rispondi Segnala abuso
2 febbraio 2011 23:11

Ed hai ragione. Qst notizia, sbattuta in prima pagina, serve per non parlare del caso Ruby, Mediatrade e di tutte le altre vicende del capo. Come della casa di montecarlo. Intanto frattini, povera cavia, ci sta andando di mezzo!

Segnala abuso
Armando 2 febbraio 2011 20:04

E vero che Marrazzo si e dimesso da tutte le cariche pubbliche, a dimenticato la Rai pagata dai contribuenti, pensate che la Rai gli dia qualche programma da condurre! penso che conservi ancora il suo posto in Rai!se così fosse lo ritengo fortunato e non una vittima.

Rispondi Segnala abuso
2 febbraio 2011 23:12

Non ho capito una parola di quello che hai detto. Cortesemente riassumi (in maniera chiara)?

Segnala abuso
5 febbraio 2011 11:45

Ma che lingua è?

Segnala abuso
5 febbraio 2011 17:28

ma cosa hai detto!?!
TRADUCI!!!!!!

Rispondi Segnala abuso
Dicky 18 giugno 2012 04:02

Sono d’accordo con la tua analisi sul bldleoro Italia (da usare senza virgolette, visto che proprio di bldleoro in senso tecnico si puf2 parlare…) e sul fatto che l’alternativa allo stato di cose presenti non possa essere rappresentata dal Pd (al di le0 di chi vinca), quello che volevo affermare era il diverso atteggiamento di fronte al discredito portato alle istituzioni.

Rispondi Segnala abuso
Seguici